Breaking News

23 Aug, 21:36 Disponibile la nuova App dell’Ascoli: scaricala per restare in contatto col mondo bianconero

Questa mattina in conferenza stampa il Direttore Sportivo Antonio Tesoro ha fatto un bilancio della sessione invernale di calciomercato:

 

“E’ stata la sessione di mercato più difficile da quando sono ad Ascoli, si sono verificati aspetti che a volte ci hanno fatto cambiare strategia, altre volte sfumare obiettivi. A inizio 2020 tanti infortuni non ci hanno fatto essere competitivi, inoltre stavamo puntando su Da Cruz, ma siamo stati costretti ad escluderlo dal progetto tecnico per il reiterarsi di certi comportamenti; poi la veemente contestazione dopo la gara col Frosinone che ha allontanato anche qualche obiettivo di mercato. A questo si aggiunge il cambio di guida tecnica, che ci ha portati a lasciar perdere obiettivi come l’acquisizione di un altro regista dato che Zanetti aveva intenzione di giocare con un play classico, ma Stellone preferisce un’altra tipologia di gioco. Detto questo le sessioni di mercato si sono chiuse sempre col segno più e mai col segno meno. Poi ci sono ‘scommesse’, che prendiamo a costo zero per cercare di patrimonializzare in futuro, mi riferisco a Diogo Pinto o Matos, giocatori che quando sono arrivati non hanno riscosso i favori del pubblico.

In generale sono soddisfatto di come si è concluso il mercato, siamo riusciti a portare giocatori di livello assoluto, alcuni erano miei pallini da sempre, li avevo trattati in quasi tutte le sessioni di mercato, parlo di Trotta e Morosini. Su Trotta c’è un riscatto di 500.000,00 €, abbiamo un diritto e un obbligo al verificarsi di certe condizioni; è un giocatore che potremmo riscattare.

Ninkovic? Era nelle nostre idee cambiare un po’ la natura della squadra giocando in un’altra maniera e rinunciando a un trequartista classico. A Nikola voglio veramente bene, in un mondo falso come quello del calcio lui è uno vero; ha deciso di rimanere, ora dovrà tornare il Ninkovic che conosciamo. Ha fatto una sua scelta personale che ha portato avanti con coerenza dall’inizio alla fine, ha rifiutato tre opportunità, non vuole andare via perché sente di poter dare e perché evidentemente non ha trovato un club con un progetto migliore di quello dell’Ascoli.

 I rinnovi? Brosco rappresenta un capitale umano e tecnico importante, è nelle nostre intenzioni proseguire il rapporto con lui”.

 

La conferenza stampa integrale del DS Tesoro è visibile sulla pagina Facebook “Ascoli Calcio 1898 FC SpA”.​